Rapporto sulla capsula clinica: ripetitiva stimolazione magnetica transcranica per la sindrome di Debarbarizzazione

currenttocOtologia e neurotologia. 2012 novembre 29. [ASTRATTO] 

Stimolazione magnetica transcranica ripetitiva per la sindrome di Mal de Debarquement.
Cha YH, Cui Y, Baloh RW, Dipartimento di Neurologia, University of California Los Angeles, Los Angeles, California., USA

OBBIETTIVO: La sindrome da mal de debarquement (MdDS) è un disturbo cronico di squilibrio caratterizzato da una sensazione di oscillazione e oscillazione. Il disturbo inizia dopo un'esposizione prolungata al movimento passivo come da una barca o un aereo. Tutti i trattamenti medici sono palliativi ei sintomi che persistono oltre i 6 mesi mostrano una bassa probabilità di remissione. Questo studio pilota ha esplorato la fattibilità e la tollerabilità della stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS) come potenziale trattamento per MdDS.

PAZIENTI / INTERVENTI: Dieci soggetti (8 donne) con MdDS persistente della durata da 10 a 91 mesi hanno ricevuto 1 sessione ciascuno dei 4 protocolli controbilanciati: sinistro 10 Hz (alta frequenza), sinistro 1 Hz (bassa frequenza), destro 10 Hz e destro 1 Hz rTMS sulla corteccia prefrontale dorsolaterale (DLPFC).

MISURA PRINCIPALE DEI RISULTATI: Riduzione della sensazione di oscillazione riportata su una scala analogica visiva.

RISULTATI: 1) I destrimani miglioravano maggiormente con la stimolazione a 10 Hz sul DLPFC sinistro mentre i mancini miglioravano maggiormente con la stimolazione a 10 Hz sul DLPFC destro; 2) la stimolazione DLPFC a bassa frequenza è stata associata ad un peggioramento dei sintomi in alcuni soggetti; 3) la durata dei sintomi era correlata negativamente con la risposta al trattamento; 4) rTMS è stato ben tollerato nei soggetti MdDS, mostrando tassi simili di mal di testa (10 su 40 sessioni) come per altri studi; e 5) l'affaticamento si è verificato dopo 6 sedute di solito con stimolazione a bassa frequenza.

CONCLUSIONE: rTMS è stato ben tollerato nei soggetti con MdDS con un promettente miglioramento dei sintomi a breve termine. Studi futuri di rTMS in MdDS possono prendere in considerazione giorni sequenziali di stimolazione, periodi di osservazione post-rTMS più lunghi, misurazione formale della fatica post-TMS e randomizzazione con una condizione fittizia.

PAROLE CHIAVE: sindrome da mal de debarquement, DLPFC, rTMS, neuromodulazione