Cambiamenti della connettività metabolica e funzionale nella sindrome di Mal de Debarquement

ARTICOLO ORIGINALE DI RICERCA: Pubblicato in PLoS ONENovembre 29, 2012

Astratto

sfondo: Individui con sindrome da mal de debarquement (MdDS) sperimentano un'illusione cronica di auto-movimento innescata da un'esposizione prolungata al movimento passivo, ad esempio dal mare o dai viaggi aerei. L'esperienza è quella di vertigini a dondolo simili a quando l'individuo era originariamente sul grilletto del movimento come una barca o un aereo. MdDS rappresenta una versione prolungata di un fenomeno normale familiare alla maggior parte degli individui ma che persiste per mesi o anni negli altri. Rappresenta un esempio naturale della neuroplasticità dell'adattamento al movimento. Tuttavia, la localizzazione del luogo in cui si verifica l'adattamento al movimento non è nota. Il nostro obiettivo era localizzare i cambiamenti di connettività metabolica e funzionale associati a MdDS persistenti.

Metodi: Venti soggetti con MdDS della durata media di 17.5 mesi sono stati confrontati con 20 controlli normali con 18F FDG PET e fMRI a riposo. Il metabolismo dello stato di riposo e la connettività funzionale sono stati calcolati usando l'età, il volume della materia grigia e i punteggi di umore e ansia come covariate fastidiose.

risultati: I soggetti con MdDS hanno mostrato un aumento del metabolismo nella corteccia entorinale sinistra e nell'amigdala (z> 3.3). Le aree di ipometabolismo relativo includevano il giro mediale superiore sinistro, il giro frontale medio sinistro, l'amigdala destra, l'insula destra e i grappoli nel giro temporale sinistro superiore, medio e inferiore. I soggetti con MdDS hanno mostrato una maggiore connettività tra la corteccia entorinale / ammasso di amigdala e le aree di elaborazione visiva e vestibolare posteriore tra cui il giro temporale medio, l'area sensibile al movimento MT / V5, il lobulo parietale superiore e la corteccia visiva primaria, mentre mostravano una connettività ridotta a più aree prefrontali.

Conclusione: Questi dati mostrano un'associazione tra l'attività metabolica dello stato di riposo e la connettività funzionale tra la corteccia entorinale e l'amigdala in un disturbo umano di percezione del movimento anormale. Proponiamo un modello su come questi substrati biologici possono consentire un periodo limitato di esposizione al movimento per condurre a percezioni croniche di auto-movimento.

parole: percezione del movimento anormale, amigdala, connettività ridotta, corteccia entorinale, connettività funzionale, ipometabolismo, neurologico, neuroplasticità, vertigini a dondolo

https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0049560